Pescara battuto 8-7. Cus Unime a gara 3

Serviva il supporto della cittĂ , così come obbligatoria era l’impresa a cui erano chiamati i ragazzi di Naccari: alla fine sono arrivati entrambi. Il Cus Unime, al cospetto della splendida cornice di pubblico accorso alla cittadella, ha riequilibrato la serie playoff con Pescara battendo in gara 2 gli abbruzzesi con il punteggio di 8-7. Un risultato figlio delle determinazione messa in vasca sin dai primi istanti di una gara avvincente. Annullato il KO dell’andata, adesso la promozione in A2 passerĂ  dalla terza sfida in programma sabato 24 giugno a Pescara.

Un successo ottenuto con merito dai padroni di casa come testimonia il commento di un Naccari soddisfatto per la prestazione e grato ai tifosi per la loro testimonianza d’affetto: “Sono soddisfattissimo  volevamo riportare la serie in paritĂ  e ci siamo riusciti. Adesso ci aspetta un’altra difficilissima trasferta a Pescara, ma a questo punto è piĂą che lecito poter credere alla vittoria finale. Abbiamo fatto una partita quasi perfetta, concedendo pochissimo all’avversario e sapendo colpire al momento giusto. Ce la siamo meritata veramente questa vittoria, di fronte ad un pubblico splendido: non capita spesso di vedere ad una partita di pallanuoto cosi tanta gente. I nostri tifosi ci hanno incitato dall’inizio alla fine e ci hannodato una grossissima mano. Un grossissimo grazie va anche a loro”.

Il match. Pronti via e Balaz, a poco più di un minuto dalla prima palla a due dell’incontro, mette la sua firma a referto. Pareggia poco dopo il mancino degli ospiti D’Aloisio ma poi fino alla fine della frazione i messinesi si impadroniscono del campo: la difesa fa buona guardia con La Tona che le para tutte mentre in avanti i padroni di casa si rendono sempre pericolosissimi, fino ad arrivare prima della sirena sul 3-1 in proprio favore grazie alla bellissima doppietta di De Francesco. Ad inizio di secondo parziale Pesca tenta di accorciare (gol di Provenzano) ma Namar porta di nuovo i suoi sul +2. Ed il CUS Unime allunga ancora a metà parziale con il sinistro imparabile di Aiello (scatenato oggi con 3 reti). Pescara non demorde e prima del cambio vasca riesce ad accorciare ancora con Di Fulvio (5-2). La partita non è affatto chiusa ed il Pescara rialza la testa nella terza frazione: i messinesi rifiatano un pò e allargano le maglie in difesa; ne approfitta, cosi, la formazione ospite che, con una doppietta di DI Fulvio si porta sul 5-5 a 2.59 dalla terza sirena. La partita si accende: gli animi in acqua si scaldano mentre in tribuna sale altissimo l’incitamento dei tifosi, che esplodono in un urlo incontenibile quando ad 1 secondo dal terzo intervallo, Aiello con un gol dalla lunghissima distanza riporta avanti i suoi. Sulle ali dell’entusiasmo ad inizio quarta frazione Cama si esibisce in una rovesciata velenosissima che trafigge il portiere ospite (autore oggi di tante belle parate) e riporta il CUS Unime sul +2. Non c’è il tempo di rifiatare: nessuna delle due squadre si risparmia e Di Nardo riesce a riportare il Pescara sul -1. Toccherà di nuovo ad Aiello, a 4.40 dalla fine, il + 2 messinese ed allentare un pò la pressione ospite. Il finale è tutto da vivere: a 1.42 Provenzano riavvicina pericolosamente i suoi sul -1 (8-7), ma da qui fino alla fine il CUS riesce a difendere in maniera perfetta la propria porta e chiudere con la vittoria finale, regalandosi e regalando al proprio pubblico un’importantissima vittoria.

CUS Unime – Pescara: 8-7 (3-1, 2-2, 1-2, 2-2)

CUS Unime: La Tona, Vinci, Mariani, De Francesco 2, Arcovito, Blandino, Lanfranchi, Aiello 3,
Namar 1, Naccari F., Naccari A., Balaz 1, Cama 1. All. Sergio Naccari

Pescara: Mambella, Di Nardo 1, Micheletti, Di Fulvio 3, De Vincentiis, Magnante, Provenzano 2, Di
Fonzo, D’Aloisio 1, Riscitii, D’Amario, Febbo. All. Francesco Mammarella.
Arbitri: Bonavita e Barbera

Condividi