Rsa Giardino sui Laghi, urge incontro con societĂ  per arretrati

L’ultimo salario percepito dai dipendenti risale al mese di marzo. Se la cronologia e la matematica non sono un’opinione, le mensilità di aprile e maggio non si scrutano neanche all’orizzonte. Nonostante il Piano di Rientro sottoscritto dalle risorse umane per riprendere le mensilità arretrate, la società Eurogestione continua a non corrispondere gli stipendi.

Si complica la situazione per i lavoratori impiegati nella Rsa per anziani e per malati di Alzheimer Giardino sui laghi gestito dalla società Eurogestione. La Fp Cgil chiede un incontro urgente al direttore e al Consiglio di Amministrazione della società per discutere lo stato di precarietà economica, pur avendo stipulato delle trattative di garanzia d’assunzione ben precise.

“Siamo al teatro dell’assurdo – chiarisce la Segretaria Generale della Fp Cgil Clara Crocé – soprattutto se si considera che i lavoratori avevano sottoscritto un piano di rientro per il recupero delle somme. Tale accordo non si sta rispettando anche perché deve essere ancora erogata la tredicesima”.

Dalle informazioni assunte dall’Azienda sanitaria, sembra che quest’ultima abbia pagato le fatture del mese di marzo e quelle di aprile, ma la cooperativa sostiene di aver avuto ancora liquidità di marzo. Intanto, le unità in servizio sono alla fame e la quotidianità è ormai impossibile da vivere. “Da quanto appreso da alcuni dipendenti che operano nella struttura gestita sempre da Eurogestione con sede ad Itala – afferma la Segretaria – la situazione degli stipendi sembra essere analoga a quella del Giardino sui Laghi. Alla luce di tutto ciò, proclamiamo lo stato di agitazione e chiediamo un incontro a tutte le parti per definire della vertenza a tutela sia dei lavoratori che del servizio che viene espletato”.

Condividi