Formazione, Governo romano accoglie assessori Sicilia e si apre ad Ape sociale

Tutti i soggetti aventi diritto potranno presentare l’Ape sociale entro il prossimo 15 luglio. Il Piano della Formazione professionale, condiviso oggi nella capitale, prevede l’utilizzo di questo strumento, un’essenziale caratteristica che consente ai lavoratori iscritti all’Albo di settore di accedere alla verifica contributiva apposita.

Il vertice che si è svolto oggi tra gli assessori regionali delle Politiche sociali e del Lavoro, Carmencita Mangano e della Formazione professionale, Bruno Marziano con il Capo della segreteria tecnica del ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti, Bruno Busacca, ha mosso un dibattito sul piano di riordino dell’intero campo. A partecipare pure altri funzionari quali la Dirigente generale del Dipartimento Lavoro, Maria Antonietta Bullara; il Dirigente generale del Ministero del Lavoro, Ugo Menziani; la direttrice della direzione generale per le Politiche Previdenziali e Assicurative, Concetta Ferrari; Stefano Listanti, dirigente del sistema pensionistico obbligatorio pubblico e Davide Messina di Anpal Servizi. La programmazione di interventi pensato per gli ex sportelli multifunzionali si incastra nei requisiti di inclusione del Governo centrale.

Tornando all’Ape sociale, l’avviso è giĂ  stato ufficializzato ed è consultabile sui siti dei due assessorati, in modo che i fruitori appartenenti all’elenco possano identificare le modalitĂ  piĂą consone. Il Ministero si è dichiarato disponibile e collaborativo per il percorso su cui i due titolari delle deleghe siciliane si sono allineati per far riprendere il settore.

Condividi




Change privacy settings