Anche la stampa scende in campo per salvare il Messina

La stampa locale testimonia la propria vicinanza alla storica compagine calcistica simbolo della cittĂ . In un momento buio e ricco di incognite per l’Acr Messina, alcuni giornalisti messinesi si sono affidati ad una lettera aperta per manifestare il proprio supporto alla causa della societĂ  guidata dal presidente Franco Proto, aggiungendovi anche un gesto simbolico e significativo quale la sottoscrizione dell’abbonamento che verrĂ  poi donato, tramite la Caritas Diocesana, alle famiglie meno abbienti.

“Da giorni raccontiamo attraverso le testate giornalistiche che rappresentiamo la necessitĂ  che tutta la cittĂ  partecipi alla difficile operazione di salvataggio dell’ Acr. Oggi abbiamo deciso di fare qualcosa di piĂą. Ciascuno di noi sottoscriverĂ  un abbonamento, che verrĂ  poi donato alla Caritas Diocesana a cui spetterĂ , grazie alla condivisione preziosa di padre Giuseppe Brancato, il compito di individuare le famiglie piĂą disagiate del nostro territorio a cui regalare ciascuna tessera. Uno scatto, un segnale, un auspicio. La speranza è che questa iniziativa possa fungere da stimolo ad altre categorie ed ordini professionali che, come la nostra, avvertono forte il senso di appartenenza alla comunitĂ  che trova una delle sue espressioni piĂą autentiche nel legame identitario con la principale societĂ  calcistica cittadina. Lanciando un chiaro ed inequivocabile segnale di compattezza, fondamentale per vincere la sfida dei conti per poi tornare ad emozionarci e ad esaltarci per quell’amore che unisce e porta il nome di MESSINA”.

Antonio Bille’, Rosaria Brancato, Marco Capuano, Sebastiano Caspanello, Francesco Certo, Sergio Colosi, Mauro Cuce’, Reno De Benedetto, Giovanni De Francesco, Pietro Di Paola, Lillo Guglielmo, Maurizio Licordari, Davide Mangiapane, Gaetano Mangione, Giuseppe Marino, Fabio Mazzeo, Gregorio Parisi, Antonio Perna, Emanuele Rigano, Piero Rizzo, Giovanni Sofia, Francesco Triolo.

La lista è aperta ai colleghi che vorranno unirsi.

Condividi