Bordonaro abbandonato a sĂ©: le “Case Gialle” al buio da sei anni

Sono passati ormai sei anni, ma nulla è stato ancora fatto. Inutile il clamore mediatico suscitato a seguito di un apposito servizio televisivo mandato in onda sulla rete nazionale. Tutto giace ancora abbandonato a sé, e sembra che nel futuro prossimo non ci sarà alcuna prospettiva di miglioramento al riguardo. Stiamo parlando del rione Bordonaro, zona “Case Gialle”, dove ormai da troppo tempo il quartiere è completamente al buio: “Oltre al buio è calato anche il silenzio. – spiega il presidente del movimento “Missione Messina” nonché ex consigliere comunale, Santi Daniele Zuccarello – Né la precedente Amministrazione né quella attuale si sono fatte carico del problema. Da tempo ormai i residenti hanno difficoltà ad uscire la sera per non cadere nelle varie buche disseminate nel quartiere, per non parlare dell’assenza di controlli. Insomma, a Bordonaro al calar della sera sembra di vivere nel Medioevo!”.

“Nella legislatura precedente, – prosegue Zuccarello – nella qualitĂ  di consigliere comunale mi sono battuto per risolvere il problema, ma l’ex Amministrazione Accorinti ha sempre fatto orecchie da mercante. Persino emittenti televisive nazionali si sono interessate alla questione grazie al mio intervento: la trasmissione “Dalla vostra parte” su Rete 4 ha dedicato un servizio sul disagio che vivono centinaia di cittadini. Per fortuna, in quel caso, c’erano le luci dei riflettori!

“Tutto nasce da un problema di competenze tra IACP e comune di Messina in merito a chi spetti pagare l’energia elettrica e da 6 anni nessuno ha provato a trovare una soluzione. Per un problema così banale centinaia di cittadini vengono lasciati nel degrado più assoluto.

“Missione Messina chiede pertanto al Sindaco, al Presidente della Circoscrizione e a tutti i Consiglieri di farsi una passeggiata a Bordonaro intorno alle 21, così per capire una volta per tutte come vivono i nostri concittadini! Auspichiamo che l’attuale Amministrazione non faccia come la precedente anche se giĂ  sono trascorsi 8 mesi e le richieste dei residenti al sindaco finora sono rimaste inascoltate”.

Condividi