Incidente a San Michele: l’intero rione rimane isolato

Ennesimo incidente a San Michele, dove le forti piogge di stamani hanno reso scivoloso il terreno al punto tale da far perdere il controllo ad un automobilista che è andato a sbattere rovinosamente contro un muro. Nulla di grave fortunatamente per il conducente, ma tale evento di fatto ha interdetto al transito veicolare l’unica strada di collegamento con l’intero rione, che dunque è rimasto isolato per l’ennesima volta.

Immediata la denuncia da parte di Giandomenico La Fauci e Lorena Fulco, rispettivamente consigliere comunale e consigliera della V Circoscrizione, che adesso chiedono l’immediato intervento dell’amministrazione affinchĂ© si trovi un’adeguata soluzione per porre definitivamente fine a tale ricorrente problematica.

“Sulla criticità delle condizioni del territorio – spiegano i due consiglieri – abbiamo lanciato l’allarme già lo scorso ottobre. Tempi non sospetti perché conosciamo bene quello che sarebbe potuto accadere. Oltre alla manutenzione e alla pulizia dell’alveo avevamo chiesto un tavolo tecnico utile a comprendere la fattibilità della creazione di una via alternativa. Non è più possibile accontentarsi di piccoli interventi quando a rischio c’è l’incolumità di tanti cittadini. Oltre agli abitanti della zona, infatti, il tratto interessa chiunque voglia giungere ai villaggi collinari tramite San Michele. Un traffico continuo che, però, si interrompe in caso di forti piogge che peggiorano la via e ingrossano il torrente. Per l’ennesima volta dobbiamo ricordare come gli abitanti non abbiano alternative al parcheggio dei propri mezzi nel torrente, un rischio clamoroso per tutti.

“L’ultimo incidente, avvenuto stamani, è l’esempio tipico di quanto sia complicata la viabilità della zona. Le forti piogge hanno reso scivoloso il terreno, quasi scontato che qualcuno potesse imbattersi in un caso del genere. Le condizioni fisiche del tratto, però, hanno peggiorato le conseguenze andando a creare disagi e code difficili da smaltire. L’ambulanza chiamata a intervenire non è giunta celermente sul posto, tantissime persone sono rimaste bloccate dovendo rinunciare, senza colpe, alla propria giornata di lavoro. Per fortuna i varchi di accesso al torrente non sono stati chiusi, così alcuni automobilisti hanno trovato un’alternativa rischiosa per evitare il blocco e giungere sul posto di lavoro o nelle scuole. Diventa paradossale che il passaggio da un alveo torrentizio diventi l’unica possibilità per evitare di rimanere bloccati per ore in una infinita coda.

Un isolamento che umilia una zona popolosa e produttiva della nostra città. Non è plausibile far passare in cavalleria situazioni del genere: gli incidenti sono sempre possibili, anche più gravi di quelli visti fin qui. Dovremmo riflettere su quanto possa essere difficile per i mezzi di soccorso arrivare sul posto, non solo in caso di sinistri ma anche per classici interventi magari in giorni piovosi.

“Non esistono piĂą deroghe o parole – concludono La Fauci e Fulco – occorre convocare un tavolo tecnico che progetti una vera via di collegamento che escluda il passaggio dal torrente San Michele, non si può piĂą posticipare sulla pelle dei cittadini. Come sempre si attendono le emergenze per intervenire, una pessima abitudine di troppe amministrazioni“.

Condividi