Antonella Bonaffini torna in Calabria con Un sole che non muore

Il momento tanto atteso è finalmente arrivato. Così come annunciato nel 2011 Antonella Bonaffini torna ad esporre  negli incantevoli scenari di Calabria. A fare da sfondo al vernissage dal  titolo Un sole che non muore sarĂ  infatti la Torre Normanna. “Saremo in Calabria dal 4 all’ 11 Agosto  per rendere omaggio ad una terra a cui Antonella sette anni fa volle fare una promessa, che oggi ha voluto mantenere”; questo l’annuncio dato dall’entourage composto da Grilli, Pacelli e Turiaco che da anni segue  l’artista.

La carriera artistica di Antonella Bonaffini inizia  nel 2007,  ma nel tempo l’attenzione  che avvolge la sua arte sembra proprio non voler scemare e anzi negli ultimi tempi  il suo prestigio  si è accresciuto sempre piĂą tant’è che il suo  nome è presente in cataloghi come “Italiani” opera editoriale voluta dal noto critico Vittorio Sgarbi e che due delle sue opere, sono state inserite nella recente iniziativa dal titolo ” Collezione di Vittorio Sgarbi ” .

“Di certo dipingere di notte, quando il mondo si ferma a guardare l’umanitĂ  riposare, permette di entrare in stretto contatto con la propria essenza e di liberarsi dal gioco della mente, per facilitare il dialogo del cuore con il pennello, dipingendo il proprio animo fatto di luci e ombre. Ma dipingere il dolore ci permette anche di esorcizzarlo e di portarlo a pieno compimento, chiudendo quasi con il passato doloroso, ora elaborato e consapevolmente vissuto. Non a caso l’arte è oggi riconosciuta come una terapia che favorisce la guarigione ” si legge in un passaggio della recensione firmata dallo storico d’arte Marco Grilli, critico ufficiale dell’artista.

L’appuntamento è dunque a San Marco Argentano dove il pubblico potrà viaggiare tra le cinquanta opere della Bonaffini ripercorrendone il mondo interiore e scoprendo di opera in opera un’artista che sa far vibrare le corde dell’anima.

 

 

Condividi