Grande partecipazione al Cultural day, l’evento dedicato alla Chiesa Normanna di Mili

Valorizzare la Chiesa Normanna di Mili attraverso la rievocazione storica della consegna del relativo atto di fondazione. È stato un successo quello del Cultural day, l’evento organizzato dall’Associazione Ionio – Circolo Arci e Pro Loco Messina Sud giunto quest’anno alla IV edizione. Centinaia le persone che ieri hanno affollato i vicoli del piccolo borgo collinare e partecipato alle visite guidate alla Chiesa Normanna di Santa Maria in Fluvio.

“Intendiamo sollecitare un intervento di recupero di uno dei primi esempi di sintesi tra l’arte araba e quello stile architettonico di ispirazione bizantina da cui trae origine l’arte normanna”, ha commentato Piera Costantino, presidente dell’associazione Ionio, spiegando così qual è il fine ultimo di tale iniziativa. Il complesso abbaziale dell’XI secolo risulta infatti essere abbandonato da parecchio tempo e più volte è stato danneggiato dai vandali.

“Il patrocinio della Fondazione Unesco di Sicilia – ha sottolineato Ivan Tornesi, Presidente della Pro Loco Messina Sud – dà ancora più valore e prestigio all’iniziativa e rilancia l’importanza della Chiesa Normanna di Mili all’interno di un circuito culturale e turistico più ampio. Con il Cultural Day 2018 chiediamo una volta per tutte che il monumento rientri tra le priorità delle politiche di valorizzazione e recupero dei beni culturali delle istituzioni locali e regionali”.

La rievocazione della consegna dell’atto di fondazione della Chiesa di Mili da parte del Gran Conte Ruggero all’abate Michele è stata il momento centrale del pomeriggio di Mili. Nel corteo storico, gli abitanti del borgo collinare hanno sfilato indossando abiti cuciti a mano nel corso del progetto laboratoriale che ha condotto alla preparazione del Cultural Day.

Accolti dallo staff dell’Associazione Ionio e della Pro Loco Messina Sud, i visitatori – non solo messinesi – hanno partecipato alle visite guidate alla Chiesa normanna, approfondendo la storia della Chiesa, dalla costruzione al declino. La serata è stata accompagnata dalle musiche di Sicilia e Dintorni, che ha animato i vicoli e la piazza di Mili San Pietro.

Condividi