La magia de La vie en rose…Bolero conquista il pubblico del Teatro Mandanici

Un  cielo puntellato di stelle, quello del Teatro Mandanici e quadri di una romantica e suggestiva  Parigi. Questi gli elementi che hanno caratterizzato  “La vie en rose … Bolero” del Balletto di Milano andato in scena sabato scorso,   incantando  il pubblico del Teatro Mandanici  e regalando emozioni oltre il puro virtuosismo. Danzato sulle magiche  note delle  canzoni di Charles Aznavour, Edith Piaf, Jacques Brel, Ives Montand e su musica di M. Ravel, “La vie en rose”, ha attraversato un percorso ironico e nostalgico, gioioso, emozionante, che ha sedotto il pubblico sin dalle prime note facendolo sognare ad occhi aperti.

Le coreografie “a orologeria” di Adriana Mortelliti, capaci di scindersi dal sincrono in un battito di ciglia e di riannodarsi in un costante continuum narrativo, l’alta intensità interpretativa, che ha dato spazio anche ad una vera e propria recitazione, l’affiatamento del corpo di ballo e l’attenzione per i dettagli, dai costumi agli oggetti di scena, simbolici e al servizio del racconto hanno contribuito ad avvolgere la platea in particolarissime atmosfere. Pubblico entusiasta e acclamazioni finali hanno contraddistinto la chiusa di entrambi gli atti, il primo dedicato alle chanson e il secondo a Ravel, così come numerosissimi applausi a scena aperta hanno caratterizzato l’intera serata. A ulteriore nota di merito, in platea non solo appassionati di balletto ma anche spettatori “agganciati” dall’annuncio delle musiche e poi sorpresi ed emozionati dalla grazia e dalla potenza della danza.

Ancora una volta la magia della grande danza  ha invaso il palcoscenico del Teatro Mandanici portando in scena uno spettacolo sublime.

Condividi