Biancuzzo: “Ripristinare il presidio 118 a Castanea”

Richieste, incontri, sopralluoghi e varie passerelle, ma quando verrĂ  riaperta la postazione “118” a Castanea? Se lo chiede Mario Biancuzzo che sottolinea l’urgenza e emergenza di adottare immediati interventi per ripristinare un servizio indispensabile per tutelare la salute pubblica. Il presidio è chiuso da sei anni.

“Il gravissimo problema è stato affrontato dal consiglio della municipalitĂ , organo eletto democraticamente dai cittadini, per chiedere la riapertura del presidio del ‘118’, ma ad oggi nulla è stato fatto.

Chiedo, in qualità di consigliere, al sindaco De Luca, di indire un tavolo tecnico, con i dirigenti dell’Asp, con il prefetto, con il presidente della Regione e con l’assessore regionale alla Salute, per discutere sulla riapertura del presidio. Una popolazione di oltre 9mila persone che in estate tende a triplicare sprovvista di ambulanze è questa la situazione con cui i villaggi dell’estrema riviera nord devono fare i conti da oltre sei anni.

Il presidio “118” deve tornare e subito a Castanea, così come risulta da delibera regionale, sede piĂą idonea dal punto di vista logistico, in modo che tutti i cittadini possano usufruire del servizio fisso in grado di garantire interventi tempestivi in tutto il comprensorio”.

Condividi