Gol nel silenzio, il Messina batte l’Igea e va avanti in Coppa

Le porte del “Franco Scoglio” sono rimante chiuse, così come stabilito dalla Commissione di Vigilanza, ma per il Messina si aprono quelle del turno di Coppa Italia. I giallorossi si aggiudicano il derby con l’Igea Virtus, che perde con un inequivocabile 3-1. Messina avanti al 37’ con Rabbeni, prima dlela doppietta di Gambino che chiude i conti nella ripresa: di Miuccio il gol della bandiera per l’Igea.

Infantino si affida subito al “suo” 3-4-3, tra i pali spazio a Ragone, Mbaye Ba, Cossentino e Porcaro in difesa, mentre l’ex Biondi con Bossa gli esterni, Cocimano e Traditi in mediana. In attacco spazio al tridente Rabbeni, Mancuso e Gambino. I peloritani prendono subito in mano le redini della gara e ci provano in apertura con Rabbeni, tiro deviato in corner dalla difesa igeana, e con Gambino, suo calcio di punizione dalla lunga distanza che si spegne sul fondo. Al 24’ chance per l’Igea, Gazzè dopo un contropiede cerca di apparecchiare la tavola per Le Piane tutto solo in area, ma è provvidenziale il salvataggio di Cossentino.

Al 29’ chance per i padroni di casa, cross di Cocimano per Biondi che aggancia e serve Gambino, la girata dell’ex Monopoli è bloccata da Centrangolo. E’ il preludio del gol del Messina, che arriva al 37’, bel cross dell’ottimo Biondi dalla destra che trova in area Rabbeni, la cui incornata non lascia via di scampo a Centrangolo. E’ dell’ex Sicula Leonzio il primo gol stagionale dei peloritani, che concretizzano una certa superiorità territoriale. Ma è anche l’ultimo brivido di una prima frazione che si chiude con il Messina in vantaggio. Pronti via, il Messina mette in ghiaccio il match già al minuto 48. Traditi recupera palla al limite e vede Rabbeni, bell’assist per Gambino che piazza il gol del 2-0 con un preciso diagonale.

L’Igea adesso subisce l’entusiasmo del Messina, al 56’ traversone di Mbaya Ba per Gambino che di testa manda di poco a lato. Al 72’ il Messina cala il tris, Biondi sfonda ancora sulla destra e mette dentro per Gambino, che da due passi riesce a mettere dentro: 3-0. L’Igea però ha un sussulto al 76’, Le Piane riesce a fare breccia nella difesa peloritana servendo Miuccio che a tu per tu con Ragone accorcia le distanze. Poco dopo, però, la squadra di Carmelo Mancuso rimane in dieci per il doppio giallo ad Allegra. E’ l’ultimo sussulto di un match ben giocato (a tratti dominato) dal Messina, che passa il turno regalandosi la prima gioia stagionale. Peccato che a gioire sugli spalti non c’era nessuno.

Messina-Igea Virtus 3-1
Marcatori
: 37′ pt Rabbeni, 3′ st e 27′ st Gambino, 31′ st Miuccio (I)

Messina: Ragone, Mbaye Ba, Biondi (28′ st Sarcone), Traditi, Porcaro, Cossentino, Mancuso (7′ st Guehi), Bossa (41′ st Barbera), Gambino, Cocimano, Rabbeni (38′ st Carini). A disposizione: Compagno, Lo Disco. Allenatore: Pietro Infantino.

Igea Virtus: Cetrangolo, Selvaggio (30′ st Santapaola), Allegra, S. Mancuso, Akrapovic, Franco (13′ st Mastroieni, 45′ st Bucca), Grillo, Gazzè, Lancia (13′ st Mastroieni), Dodaro, Le Piane (41′ st Dadone). A disposizione: Bucca, Bruno, Mirabile, Giambianco. Allenatore: Carmelo Mancuso.

Arbitro: Stefano Milone di Taurianova
Assistente: Michele Rispoli di Locri e Rodolfo Spataro di Rossano

Ammoniti: Franco (I), Selvaggi (I), Mbaye Ba (M), S. Mancuso (I), Allegra (I)
Espulso al 22′ st Allegra (I, doppia ammonizione)

Corner: 1-2
Recupero: 1′ e 4′

Condividi