Tosca: il tenore Marcello Giordani interpreta Mario Cavaradossi

L’incantevole scenario della cavea  taorminese si prepara ad accogliere la nuova edizione di Taormina Opera stars. Spettacolo clou della kermesse dedicata al Belcanto quest’anno sarà la Tosca della quale protagonista indiscusso sarà Marcello Giordani, il grande tenore italiano più volte apparso sul palco del Metropolitan Theater  di New York.  In scena il 16 e il 21 agosto Marcello Giordani interpreterà Mario Cavaradossi. Un appuntamento questo da non perdere proposto dal “Taormina Opera stars” che anche quest’anno ha preparato un allestimento di Tosca all’insegna di qualità e tradizione. Infatti, al fianco di Giordani troveremo un grande cast composto da Maria Tomassi nel ruolo di Floria Tosca che nella replica del 21 agosto sarà interpretata da Carmela Apollonio Pedro Carrillo nel ruolo del Barone Scarpia;  Shy Zong nel ruolo di Cesare Angelotti: Haocheng Lei
nel ruolo del Sagrestano; Riccardo Palazzo nel ruolo di Spoletta, che nella replica del 21 sarà interpretata da Stefano  Sorrentino; Alessandro Vargetto nel doppio ruolo di Sciarrone/ Carceriere e Pasquale Auricchio nel ruolo di Pastorello. Il tutto sarà accompagnato dall’orchestra selezionata dall’organizzazione guidata da Maurizio Gullotta, Antonio Lombardo e Franco Barbera.

L’orchestra è diventato negli anni il fulcro attorno al quale ruotano gli appuntamenti musicali. Adesso vi è grande attesa per l’arrivo di Giordani sul palco di Taormina. Il cantante, fin dal suo debutto, nel 1986, è emerso come uno dei più prominenti e ricercati cantanti d’opera, ed è stato acclamato dalla critica internazionale come “… forse il più grande tenore della sua generazione.” È apparso sulla scena di tutti i principali teatri d’opera del mondo ed ha cantato con i più rinomati direttori d’orchestra.

La sua eccezionale versatilità gli ha permesso di coprire un vasto repertorio che va dal bel-canto di Bellini, Donizetti e Rossini, ed il lirismo del repertorio operistico francese, alle opere di Puccini e Verdi e alle grandi composizioni vocali di Berlioz, quali La damnation de Faust, Les Troyens, e più recentemente, alle opere più rappresentative del Verismo italiano, Cavalleria Rusticana e Pagliacci.

Queste le premesse di un appuntamento che si preannuncia denso di grandi emozioni.

Condividi