Incendi dolosi, CittadinanzAttiva interpella Prefetto e Cas: “Troppa incuria e folta vegetazione”

Prima dell’arrivo dei possenti venti di scirocco e dei consueti incendi dolosi, del mese di luglio e agosto, CittadinanzAttiva di Messina chiede al Prefetto, all’Assessore alle infrastrutture e MobilitĂ  della Regione Sicilia e ai responsabili del Cas perchĂ© si provveda a rendere sicure le uniche  Autostrade a pagamento del Sud Italia.

I due sensi di marcia delle Autostrade A18 e A20, assieme ad alcuni svincoli, sono oscurati da una folta vegetazione di alto fusto, eucalyptus, pini domestici e Sambuco i cui rami in alcuni tratti abbracciano le carreggiate, che si sommano ai grovigli di rovi, fichidindia e sterpaglie.

L’incuria e la pericolositĂ  sono palesi e fanno capire, da quanti anni non si effettuano i tagli nelle aree ai bordi delle carreggiate. Inoltre i canali di scolo delle acque bianche sopra l’arco delle gallerie, lungo i bordi delle carreggiate e sui muri di contenimento, sono ostruiti da terriccio e sterpaglie e dopo gli incendi fanno cadere pericolosamente del materiale sul manto stradale.

Lo scorso anno l’autostrada ai primi di luglio è stata chiusa al traffico per alcune ore e fortunatamente non ci sono state vittime, ma solo danni alle strutture. ecco il link (https://video.repubblica.it/edizione/palermo/taormina-l-incendio-lambisce-il-casello-panico-degli-automobilisti-incolonnati/280110/280703).

CittadinanzAttiva sostiene da anni e ribadisce ulteriormente, che la presenza del Cas Consorzio Autostrade Siciliane “gestore” a pagamento, di circa 300 chilometri di autostrada in Sicilia è antistatutaria.

Condividi