Siglata l’intesa tra RFI e Comune per fare della Stazione Centrale un hub intermodale

“Rendere la stazione di Messina Centrale un hub nevralgico dell’intermodalità di area vasta e potenziare la connettività con la città, in coerenza con gli indirizzi del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, attualmente in fase di redazione”, sono gli obiettivi del protocollo d’intesa siglato oggi, a Palazzo Zanca, dal sindaco, Renato Accorinti, dal vice sindaco e assessore alla Mobilità, Gaetano Cacciola, e dal direttore Stazioni di Rete Ferroviaria Italiana, Sara Venturoni.

L’accordo prevede lo sviluppo di un progetto condiviso che definisca gli interventi di upgrading infrastrutturale e tecnologico, per l’incremento dell’offerta intermodale della stazione di Messina Centrale, una delle più importanti della Sicilia, che collega la città con i principali assi ferroviari dell’Isola. L’intesa, della durata di tre anni, ambisce a far esprimere al meglio il potenziale di nodo trasportistico e polo di servizi della stazione di Messina Centrale, partendo dalle connessioni che già oggi offre tra i servizi ferroviari e quelli di traghettamento veloce nella stazione di Messina Marittima, oltre che l’accessibilità dei sistemi di trasporto pubblico e privato.

Il protocollo mira a rafforzare lo scambio modale, attraverso un nuovo terminal per il trasporto su gomma, parcheggi dedicati e nuovi percorsi ciclopedonali. Contestualmente alla firma dell’accordo è stato istituito un tavolo tecnico congiunto, che avrà il compito di monitorare le fasi di avanzamento del progetto. La convenzione rientra nel più ampio orizzonte delineato dal Piano industriale 2017-2026 di FS Italiane, che vede tra i suoi pilastri la centralità delle stazioni ferroviarie come hub urbani della mobilità integrata e sostenibile.

Condividi